Anche da un punto di vista economico, l’album può incidere notevolmente sul budget, soprattutto se di buona fattura. Per questo abbiamo pensato di proporti una breve guida  sui modelli che il mercato può offrire e sul giusto valore economico che bisognerebbe dare loro.

Il primo requisito da considerare è la qualità della rilegatura. Che sia un album tradizionale (quello con le foto incollate sulle pagine, per intenderci) o un fotolibro digitale l’album dovrà durare nel tempo e verrà sfogliato moltissimo. Per questo la sua fattura dovrà essere resistente, meglio se realizzata da mani artigiane esperte, e non fatto in serie.

Secondo punto importantissimo sono le stampe fotografiche. Anche in questo caso, che si tratti di un album classico o un fotolibro non fa differenza: i colori dovranno essere brillanti, i bianco e nero ben contrastati, e la carta fotografica resistente e spessa.

Terzo punto da considerare è la copertina. Qui le opzioni sono diverse, e molto dipende dai gusti: seta, cotone, carta di riso o pelle sono i materiali che vanno per la maggiore, ma il cui prezzo può variare anche di molto. La pelle è chiaramente la scelta più duratura nel tempo, e di maggior pregio: oggi ne esistono varianti di tutti i tipi e colori.

L’ultimo aspetto da considerare sono gli accessori ovvero la valigia o le scatole porta-album, incisioni sulla copertina, porta-dvd coordinati, e tutto ciò che può completare il nostro corredo fotografico, e renderlo ancor più prezioso.

Una volta scelto il supporto giusto bisognerà procedere con la scelta delle foto di matrimonio da inserire nell’album.

Un servizio fotografico di matrimonio conta migliaia di scatti e operare una selezione è sicuramente il momento più delicato del lavoro di post produzione.

Sicuramente un professionista è allenato e riesce a riconoscere uno scatto buono rispetto a un altro da scartare. Ma  nella scelta finale entra in gioco l'emozione del momento e solo i diretti interessati possono sapere che cosa rievoca in loro uno scatto piuttosto che un altro.  Per questo la soluzione migliore è chiedere la fotografo una selezione di scatti tra cui effettuare la scelta oppure una bozza dell’album alla quale poter apportare modifiche e sostituzioni.